La migliore qualità di stoccafisso: il Ragno

Lo stoccafisso non è altro che merluzzo essiccato al sole secondo antiche procedure nate nei paesi nel nord Europa dove nasce e viene pescato questo straordinario pesce dalle carni callose e sode apprezzato in tutto il mondo. Lo stoccafisso viene importato direttamente dalle Isole Lofoten, dove i ricercatori ed esperti dell’azienda si recano per scegliere personalmente i fornitori verificando direttamente la qualità della lavorazione e i metodi di produzione.

Lo stoccafisso viene lavorato e battuto nello stabilimento dell’impresa per poi essere confezionato: sottovuoto, in vaschetta, sfuso e in sacchetti termoretraibili. Per ottenere un buon stoccafisso è fondamentale usare del merluzzo di ottima qualità, come quello artico norvegese che vive nelle freddissime acque del mar di Barents e lungo tutta la costa della Norvegia, il Gadus Morhua. Tra i migliori stoccafisso presenti in commercio, la qualità più rinomata e ricercata è quella Ragno.

Il baccalà qualità ragno è ottenuto dalla specie appunto Gadus Morhua. Questo tipo di merluzzo produce uno stoccafisso magro, senza difetti, di colore brillante, il migliore che si possa ottenere. La sua provenienza, come quella di quasi tutto il miglior stoccafisso, sono le isole Lofoten ma, ciò che caratterizza l’eccellente qualità dello stoccafisso Ragno è il fatto che viene lasciato essiccare per ben 3 mesi.

Nel periodo di conservazione all’aperto, grazie al clima freddo e secco che caratterizza la penisola scandinava, con temperature lievemente superiori agli zero gradi e quasi totale assenza di pioggia, il pesce viene di fatto protetto dal rischio di contaminazioni batteriche e dagli insetti.

L’essicazione all’aperto è caratterizzata anche dal giusto mix di condizioni atmosferiche diverse come neve, sole e freddo secco che vanno ad influire sulla qualità dello stoccafisso, una volta pronto. La maturazione al chiuso è la fase conclusiva dell’essiccamento che permette, a fronte dell’eliminazione del 70% del contenuto d’acqua originario, di mantenere intatti i principi nutrienti del pesce.